Referendum 2022. Elettori temporaneamente residenti all'estero - Comune di Bertinoro

Notizie - Comune di Bertinoro

Referendum 2022. Elettori temporaneamente residenti all'estero

 

L'art.4-bis, comma 2, della legge n. 459/2001 prevede che gli elettori temporaneamente all'estero possano richiedere di votare per corrispondenza facendo pervenire la richiesta al Comune di iscrizione nelle liste elettorali entro il trentaduesimo giorno antecedente la data di votazione e, quindi, entro l'11 maggio.

L'opzione potrà pervenire al comune per posta, per telefax, per posta elettronica anche non certificata, e potrà essere recapitata a mano anche da persona diversa dall'interessato.

La dichiarazione di opzione, redatta in carta libera e necessariamente corredata di copia di un documento d'identità valido dell'elettore, deve contenere l'indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale ed una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti di cui al comma 1 del citato art.4-bis.

Il presupposto temporale della presenza dell'elettore all'estero per un periodo minimo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione, viene autocertificato dall’elettore che deve dichiarare espressamente tale circostanza.

Si allega il modello di opzione per esprimere il voto per corrispondenza.

NB Il termine del trentaduesimo giorno per la presentazione della richiesta di opzione non è derogabile, in quanto si correla ad una serie di successivi passaggi procedurali aventi termini ristrettissimi: in particolare, il Ministero dell'interno dovrà, a sua volta, comunicare immediatamente l'elenco dei suddetti elettori al Ministero degli affari esteri, per consentirne l'immediato invio del plico per l'esercizio del voto per corrispondenza.

Per i familiari conviventi dei temporaneamente all'estero aventi diritto al voto per corrispondenza la legge non richiede il periodo previsto di tre mesi di temporanea residenza all'estero.

Voto dei militari all'estero e degli elettori dei domiciliati presso le Ambasciate e i Consolati

Il Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, il Ministero dell'interno ed il Ministero della difesa, in attuazione dell'art. 4-bis della legge n.459/2001, hanno definito particolari modalità tecnico-organizzative per il voto degli appartenenti alle Forze armate e di polizia temporaneamente all'estero nello svolgimento di missioni internazionali e, rispettivamente, degli elettori domiciliati presso le Ambasciate e i Consolati."

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (281 valutazioni)